My Account

Open/Close

Mastronardi scavalca Cesari nella Elite

Una giornata praticamente estiva, e particolarmente lunga per le tante categorie scese in campo, ha caratterizzato la seconda tappa dei Campionati italiani FMI organizzata all’XPark di Savignano sul Panaro (MO) con il Moto Club Migliori e la FX Action a sovrintendere i lavori

Sessanta i piloti arrivati domenica 17 aprile da tutta Italia per affrontare la prova che ha vissuto una prima parte adombrata da qualche nuvola che nel pomeriggio ha lasciato il posto al caldo e al sole, rendendo la vita un pochino più difficile ai piloti, molto più che accaldati, in pista. La categoria Sport schierava 16 piloti al cancelletto e mentre Fabio Marchionni, protagonista della prima prova a Città di Castello, faticava su questa pista emiliana, Mattia Ioli (Yamaha) dava spettacolo. Ioli ha schizzato letteralmente all’abbassarsi del cancelletto ma Gregorio Ciceri (Yamaha) lo infilava dall’interno, seguito da Majcol Porracin (Kawasaki). Ciceri teneva la testa del gruppo mentre alle sue spalle, a pochi decimi di distacco, Ioli, Porracin e Vincenzo Alercia (Suzuki) combattevano scambiandosi le posizioni a vicenda. Alle loro spalle Marchionni (KTM), Nicolò Roagna (Yamaha) e Carla Gamboni (KTM) si battevano come leoni e sul traguardo Ciceri ha vinto su tutti. Gara 2 sembrava inizialmente simile alla prova precedente fatta eccezione per Carla Gamboni che ha affrontato la prima parte di gara alle spalle del sempre velocissimo Ioli. Dietro di loro Porracin con Marco Barbagli (Can-Am) in rimonta su Alercia. Le posizioni si incrociavano fra loro, con Francesco Testa (Yamaha) che si sistemava in quinta posizione: Barbagli arrivava a superare Porracin per agguantare la seconda posizione – dopo aver corso dal secondo giro senza sella – ma all’ultimo giro il suo quad si spegne e nel frangente lo sorpassa Porracin. Al traguardo Ioli vinceva, batteria e giornata, precedendo Majcol Porracin secondo e Marco Barbagli, terzo di Gara 2, mentre sul podio di giornata il terzo posto andava a Gregorio Ciceri, nonostante uno 0 in Gara 2.
Veteran, Trofeo Centro Sud e JF250 vengono accorpate al cancelletto di partenza con 17 piloti totali. In Gara 1 Alessandro Fontanazzi (Suzuki) e Davide Gigli (KTM) scattavano bene con Maurizio Arrighi (Yamaha) dietro con Gilberto Tacconi (KTM) e Paolo Galizzi, primo di JF250 per tutta la durata della gara. Per il Trofeo la battaglia coinvolgeva Alessandro Savone (Can-Am) e Fabio Giaretta (KTM) che rimontava dalle ultime posizioni. Giro dopo giro Fontanazzi manteneva la prima posizione. Sul traguardo passava Fontanazzi primo su Arrighi e Gigli, con Galizzi primo della JF250 su Grigore Vieru (Yamaha) e Matteo Simeoni (Yamaha), e Giaretta primo su Savone e Roberto Vendetta (Suzuki). In Gara 2 Luca Bernardoni si ritrovava ultimo mentre Gigli si involava in testa inseguito da Fabrizio Godino (KTM). Alessandro Fontanazzi si sistemava in seconda posizione davanti a Godino che doveva vedersela a più riprese con Elio Vottero (Honda) e Maurizio Arrighi. Queste le posizioni confermate al traguardo con Galizzi di nuovo primo in JF250 su Vieru e Simeoni mentre Savone dimostrava chiaramente la sua passione per il fango (la pista era stata letteralmente allagata nella pausa pranzo rendendo la vita un po’ difficile a tutti i piloti) vincendo la classifica Trofeo Centro Sud di Gara 2 e la giornata su Giaretta e Vendetta. Sette gli UTV presenti in Emilia con Andrea Gianini impegnato in un doppio ruolo: pilota nella categoria UTV1 e pilota nella UTV2. Una scelta coraggiosa, ma che ha premiato il boss del Victory Team, sempre primo e autore di ben 4 vittorie. Nella UTV alle sue spalle Giampiero Bianchi con Max Poletti costretto al ritiro per rottura del differenziale, mentre in UTV2 Ignazio Scollo è salito sul secondo gradino del podio davanti a Nicolò Algarotti.

le CLASSIFICHE

Pubblicato in Burnout
Martedì, 19 Aprile 2016 08:01

QuadCross | Savignano sul Panaro

COMUNICATO STAMPA FxAction

Una giornata praticamente estiva, e particolarmente lunga per le tante categorie scese in campo, ha caratterizzato la seconda tappa dei Campionati italiani FMI Quadcross, Sidecarcross e SidebySide 2016, organizzata all'XPark di Savignano sul Panaro (Mo) con il Moto Club Migliori e la FX Action a sovrintendere i lavori. Sessanta i piloti arrivati domenica 17 aprile da tutta Italia per affrontare la prova che ha vissuto una prima parte adombrata da qualche nuvola che nel pomeriggio ha lasciato il posto al caldo e al sole, rendendo la vita un pochino più difficile ai piloti, molto più che accaldati, in pista.

La classe regina, la Elite Internazionale ha assistito alla vittoria di giornata di Simone Mastronardi (Yamaha), adottato dall'Emilia e quindi con un grande seguito e tifo su questa pista di Savignano. In Gara 1 Simone Mastronardi non ha potuto nulla contro lo strapotere di Andrea Cesari (Yamaha) che ha azzeccato una bella partenza portandosi subito in testa su Mario Cinotti (Can Am), Amerigo Ventura (Yamaha) e lo stesso Mastronardi. Il romano ha recuperato giro dopo giro arrivando nelle fasi finali a duellare sul filo dei decimi di secondo con Cesari che otteneva la vittoria per soli cinque decimi su Mastronardi e 37” su Ventura. In Gara 2 Cesari bissava l'ottima partenza inseguito stavolta da un ottimo Nicola Ciceri, poi Nicolò Ruggeri e Mario Cinotti mentre Mastronardi, incastrato più indietro, aveva bisogno di tre giri per portarsi in seconda posizione. A quel punto Cesari aveva già un vantaggio di 6 secondi ma dopo 12 minuti di gara Cesari restava fermo, con il motore ko, e lasciava via libera a Mastronardi e Ventura che davano spettacolo davanti ad un pubblico appassionato e divertito. Al traguardo Mastronardi vinceva la batteria e la giornata, su Amerigo Ventura, secondo, con Ciceri terzo di manche, e Cesari terzo di giornata.

La categoria Sport schierava 16 piloti al cancelletto e mentre Fabio Marchionni, protagonista della prima prova a Città di Castello faticava su questa pista emiliana, Mattia Ioli (Yamaha)dava spettacolo: in Gara 1 Ioli schizzava letteralmente all'abbassarsi del cancelletto ma Gregorio Ciceri (Yamaha) lo infilava dall'interno, seguito da Majcol Porracin (Kawasaki). Ciceri teneva la testa del gruppo mentre alle sue spalle, a pochi decimi di distacco, Ioli, Porracin e Vincenzo Alercia (Suzuki)combattevano, ad armi pari e sempre sul filo dei secondi, quando non dei decimi, scambiandosi le posizioni a vicenda. Alle loro spalle Marchionni(Ktm), Nicolò Roagna (Yamaha) e Carla Gamboni (Ktm) si battevano come leoni e sul traguardo Ciceri vinceva su Ioli, Porracin, Alercia, Roagna e Marchionni. Gara 2 sembrava inizialmente simile alla prova precedente fatta eccezionale per Carla Gamboni che affrontava la prima curva seconda, alle spalle del sempre velocissimo Ioli. Poi la pilota Ktm era costretta a soccombere agli attacchi degli avversari ma riusciva però a difendersi bene. Ioli scappava veloce mentre alle sue spalle si piazzava Porracin con Marco Barbagli (Can Am) in rimonta su Alercia. Le posizioni si incrociavano fra loro, con Francesco Testa (Yamaha) che si sistemava in quinta posizione: Barbagli arrivava a superare Porracin e ad agguantare la seconda posizione – dopo aver corso dal secondo giro senza sella – ma all'ultimo giro il suo quad si spegneva e lui riusciva a riaccenderlo solo dopo aver subito il sorpasso di Porracin. Al traguardo Ioli vinceva, batteria e giornata, precedendo Majcol Porracin secondo e Marco Barbagli, terzo di Gara 2, mentre sul podio di giornata il terzo posto andava a Gregorio Ciceri, nonostante uno 0 in Gara 2.

Veteran, Trofeo Centro Sud e JF250 venivano accorpate al cancelletto di partenza e 17 piloti si affrontavano alla grande per tutte le due batterie. In Gara 1 Alessandro Fontanazzi (Suzuki) e Davide Gigli (Ktm) scattavano bene con Maurizio Arrighi (Yamaha) ad inseguire insieme a Gilberto Tacconi (Ktm) e Paolo Galizzi, primo di JF250 per tutta la durata della gara. Per il Trofeo la battaglia coinvolgeva Alessandro Savone (Can Am) letteralmente scatenato e Fabio Giaretta (Ktm)che rimontava dalle ultime posizioni. Giro dopo giro Fontanazzi manteneva la prima posizione ma alle sue spalle nessuno si risparmiava fino a che sul traguardo passava Fontanazzi primo su Arrighi e Gigli, con Galizzi primo della JF250 su Grigore Vieru (Yamaha) e Matteo Simeoni (Yamaha) e Giaretta primo su Savone e Roberto Vendetta (Suzuki). In Gara 2 Luca Bernardoni – decisamente in giornata no domenica – schizzava davanti a tutti ma poi sbagliava la prima curva e si ritrovava ultimo mentre Gigli si involava, di nuovo, in testa inseguito da Fabrizio Godino (Ktm), Alessandro Fontanazzi che poi si sistemava in seconda posizione davanti a Godino che doveva vedersela a più riprese con Elio Vottero (Honda) e Maurizio Arrighi. Queste le posizioni confermate al traguardo con Galizzi di nuovo primo in JF250 su Vieru e Simeoni – e questo è anche il podio di giornata – mentre Savone dimostrava chiaramente la sua passione per il fango (la pista era stata letteralmente allagata nella pausa pranzo rendendo la vita un po' difficile a tutti i piloti) vincendo la classifica Trofeo Centro Sud di Gara 2 e la giornata su Giaretta e Vendetta.

Sette gli UTV presenti in Emilia con Andrea Gianini impegnato in un doppio ruolo: pilota nella categoria UTV1 e pilota nella UTV2. Una scelta coraggiosa, ma che ha premiato il boss del Victory Team, sempre primo e quindi autore di ben 4 vittorie: nella UTV alle sue spalle Giampiero Bianchi con Max Poletti costretto al ritiro per rottura del differenziale, mentre in UTV2 Ignazio Scollo è salito sul secondo gradino del podio davanti a Nicolò Algarotti.

Prossimo appuntamento a Cremona, il 5 giugno, con quadcross e sidecarcross.

CLICCA QUI PER LE CLASSIFICHE

Pubblicato in Racing

Vale molto

Il crossodromo di Gioiella ha accolto, grazie all’organizzazione del Moto Club Trasimeno, quad e sidecar per la quinta prova di Campionato Italiano QuadCross

44 i piloti presenti in un circuito bellissimo ma non semplice per i mezzi a quattro ruote. Sono state accorpate Veteran e Sport e poi JF250 e Trofeo Centro Sud per il quale Castiglione del Lago rappresentava la sesta e ultima prova dell’anno. Nella Veteran alle spalle del campione 2014, Pinoli, e Gigli, in seconda posizione, si scatena la lotta tra Gilberto Tacconi, Lorenzo Alfaroli, Roberto Casalini e Alessandro Savone e Silvano Grola che sulle whoop riesce a passare il bergamasco agguantando il terzo posto di manche, con Nelli, Alfaroli e Savone, rispettivamente in quarta, quinta e sesta posizione.

il resto dell'articolo nel n° 130

COMPRA IN DIGITALE € 2,52
Pubblicato in Burnout

Recetto Bollente

Una giornata piena di colpi di scena firmata Portogallo. Vincono Joao Vale, Ruggeri, Max Remy, Pinoli, Grola

E' stata una giornata bollente, e non solo per le emozioni in gara. Le temperature sulla pista piemontese ieri hanno superato ogni previsione raggiungendo i 35 gradi e schiacciando sotto un sole luminosissimo e un cielo azzurro i 44 piloti presenti alla terza sfida di Campionato affidata al Moto Club Racing Box.
La polvere sottile del Cross Park Recetto, unita al sole fortissimo, è stato un avversario non da poco fin dalle prove cronometrate della mattina. Il portoghese Joao Vale, approdato in Italia per questa gara con un grosso seguito – ben 5 persone intorno a lui, impegnate sul suo quad Yamaha – ha dato spettacolo sulla pista vincendo entrambe le manche nonostante le partenze non siano state bellissime. Nel primo caso il campione italiano Nicola Montalbini (Suzuki) scattava davanti a tutti ma sbagliava la prima curva, facendosi infilare da ben 5 piloti, e nel secondo erano Giovanelli, Montalbini e Cesari che scattavano davanti al portoghese...

Pubblicato in Burnout

Couprie vince a Cremona

Cremona – Una grande giornata di quad cross. Questo è stata la prima gara dell’anno 2014 per la stagione di Campionato Italiano Quad Cross, e Sidecarcross, che è trascorsa in una bella domenica di primavera, sul Crossodromo ‘Città di Cremona’, con l’organizzazione del Moto Club Cremona, grazie alla complicità di ben 65 piloti provenienti da tutta Italia e non solo

i francesi si sono presentati in forze in Lombardia, ma seppure fortissimi hanno trovato pane per i loro denti: non fosse stato per i dolori alla spalla ed alla clavicola di Nicola Montalbini forse le cose sarebbero andate in altro modo, fattostà – comunque – che Roman Couprie è risultato il più veloce alla fine di due gare combattutissime e sicuramente entusiasmanti...

Pubblicato in Burnout
Venerdì, 08 Novembre 2013 14:55

Warnia vince all'Eicma

All'internazionale di quadcross svoltosi ieri nella Motolive Arena della kermesse motociclistica milanese Jeremie Warnia all’esordio con la sua Yamaha YFZ si impone dopo 10 minuti di gara su Nicola Montalbini (holeshot) secondo classificato e Yoann Ciclet altro francese terminato sul terzo gradino del podio. Un esordio perfetto per il fuoriclasse francese che ha potuto solamente provare la moto il giorno prima per poche ore dopo anni di militanza Can-Am. L’asso fresco di nomina del Team Yamaha/DWT ha così esordito con una netta supremazia sbaragliando la concorrenza in sella alla sua nuova YFZ450 che lo vedrà impegnato in tutti i campionati nella stagione 2014.

Pubblicato in Racing
Mercoledì, 28 Agosto 2013 10:38

C. I. QuadCross FMI | Fermo

Elite

Quarto titolo tricolore consecutivo per il marchigiano Montalbini che dopo aver vinto la prima manche (ed essersi assicurato matematicamente il titolo) “concede” la prima vittoria in carriera in gara 2 a Simone Mastronardi che ha stupito per la sua costanza in tutto il campionato con risultati più che lodevoli chiudendo in quarta posizione della classifica generale.  Un acciaccato Cesari chiude il podio di giornata e per lui ancora i gradi da vicecampione italiano per il secondo anno consecutivo. Sale sul gradino più basso del podio della generale un ritrovato Emanuele Giovanelli.

Sport

L’esordiente di categoria Fabio Marchionni con la vittoria in gara 1 si è aggiudicato il primo titolo della classe Sport (ex QX2) ma la vittoria di giornata va al giovanissimo Davide Galli seguito da un ottimo secondo posto di giornata di Matteo Paolo Del Bono. Sale per la prima volta sul gradino piu basso del podio Christopher Fulgeri. In ottica campionato a fianco del neo campione Marchionni salgono Cinotti secondo e Del Bono terzo.

Veteran

Dopo lo stop in gara 1 di Denis Rossetto a Tiziano Sette non restava che controllare la gara senza opporre tanta resistenza agli attacchi di Maurizio Arrighi  che vince Gara 1. In gara 2 vince Rossetto seguito da Arrighi e Gamboni. Nonostante lo stop in gara due Tiziano Sette è il nuovo campione italiano della Veteran.

Junior Esordienti

Ancora una splendida doppietta per Mattia Papa che ha preceduto Paolo Galizzi e Maximilian Galli.

Junior Cadetti

E’ stata ancora una volta vinta da Mattia Ioli.

GUARDA LE CLASSIFICHE

Pubblicato in Racing
Venerdì, 14 Giugno 2013 08:05

C.I. QuadCross | Odolo 2013

Elite

Sale ancora una volta sul gradino piu alto del podio Nicola Montalbini che mantiene con 24 lunghezze il vantaggio sul suo diretto inseguitore il portoghese Vale vincitore di gara 1 e secondo assoluto di giornata terzo Andrea Cesari Jr con due secondi posti.

Sport

Finalmente…. Riccardo Varaldo vince la sua prima gara: Lo aspettavamo da tempo sul gradino piu prestigioso del podio che gli è sempre sfuggito o per troppa irruenza o per noie meccaniche dietro di lui sempre in gran spolvero l'attuale leader provvisorio di campionato Fabio  Marchionni. Per la prima volta sul terzo gradino del podio Davide Galli.

Veterans

Tiziano Sette ha la meglio sul suo compagno di squadra Denis Rossetto terzo di giornata Paolo Gratani.

Junior

Nei Cadetti si impone Cristiano Volpi mentre nella Esordienti il giovanissimo Mattia Papa domina l'intera giornata di gara.

qui tutte le classifiche

Pubblicato in Racing
Martedì, 21 Maggio 2013 13:42

QuadCross | le quote rosa

Le quote rosa

Se dietro a un grande uomo c’è sempre una grande donna, dietro a un pilota potete scommetterci c’è una ragazza che, trascorrendo la maggior parte del suo tempo a bordo pista, soffre e aspetta con ansia il rientro del suo eroe. Possibilmente tutto di un pezzo

Fidanzate, mogli e compagne, il paddock del circus QuadCross abbonda di presenza femminile. L’attività maggiore si registra quando i piloti entrano in pista: è allora che il fermento del sesso debole aumenta e tra urletti di incitazione bilanciati da altrettanti drammatici silenzi, la dolce metà dei rider prende, a suo modo, parte alle gare. Le abbiamo incontrate e interrogate sugli stati d’animo e sulle emozioni che agitano i loro weekend di gara.


Pubblicato in 94
Mercoledì, 15 Maggio 2013 09:26

C.I. Maxxis QuadCross | Castiglione del Lago

La strana coppia

Vince Montalbini, ma cresce Cesari Jr., secondo per un solo punto. Martin Liska si impone in gara 1 e chiude terzo di giornata, Zimmerman solo quarto

Il Campionato si riapre: c’è uno spiraglio di luce infatti in fondo al tunnel dei 34 punti che dopo la gara del crossodromo Vinicio Rosadi separano Dillon Zimmerman da Nicola Montalbini. Il toro del team Cozzi ha vinto la prova di Castiglione del Lago, ma l’urlo è rimasto strozzato in gola per colpa di un’ingenuità che il marchigiano ha compiuto in gara 1 quando prima intraversandosi ha perso svariate posizioni, poi con il distaccamento  della sella è stato costretto, da regolamento, a fermarsi in pit lane per rimontarla. Da lì in poi Montalbini ha mostrato di avere un passo gara irraggiungibile per tutti e dall’ultima posizione è risalito fino alla quarta. Gara 2 ha tenuto fede invece ai valori cronometrici mostrati nella prima prova e Montalbini ha regolato uno scatenato Andreino Cesari Jr., che abbandonato finalmente dalla sfortuna ha fatto suo il podio di giornata concludendo secondo per un solo punticino di gap dal “maestro”. Una strana coppia quella che ha invaso il podio: Montalbini è un Cesari acquisito visto il rapporto che lo lega alla sorella di Andrea Jr.; festa in famiglia dunque, una festa che sa tanto anche di sfide future visto che in questo frangente sembra proprio che Cesari Jr. sia uno degli avversari più scomodi del “toro”. Per un Andreino che cresce, esponenzialmente, abbiamo un Torraco in grande difficoltà: il piemontese sapeva che sarebbe stata un’annata difficile, ma ciò che gli si sta prospettando davanti è davvero un'impresa improba, peggiorata dal fattore tecnico non irrilevante che Torraco si allena con un quad, per correre poi negli eventi ufficiali con un altro, non sviluppando in questo modo la giusta confidenza con il mezzo da gara. Grande prova per il ceco Martin Liska, tornato alla vittoria nell’Italiano dopo tre anni, e più esattamente dalla prova di San Ferdinando che inaugurò il QuadCross FMI nel 2009; la prestazione di giornata è stata coronata con il terzo gradino del podio finale, un’iniezione di fiducia per Liska e per tutta la compagine ceca che in Umbria ha visto scendere in pista anche Studeny, sesto. Sugli scudi anche il francese Antony Sousa Borges, tenace e concreto: il transalpino a colpi di punti pesanti continua a fortificare la sua classifica, che lo vede ora terzo con un solo punto di ritardo da Montalbini e ben 21 lunghezze di vantaggio su Lenz. Ma non è solo la sua guida redditizia a rimpolpare il suo bottino di punti, ma anche una Yamaha, preparata dal team romano In Quad, che ha ben poco da invidiare agli altri quad presenti sulla starting grid dell’Italiano. Protagonista mancato è stato l’eroe di Fano, Dillon Zimmerman, che se da un lato comanda ancora la generale, dall’altro ha mostrato che nei crossodromi veri e propri, come quello di Castiglione, ha ancora tanto da imparare da Montalbini e soci. E per lui i famosi calcoli aritmetici per portare a casa il titolo dovranno essere abbondantemente rifatti: con 34 punti di vantaggio sul numero 1 italiano e 150 punti in palio, l’obiettivo primato non è così vicino come si potrebbe pensare! Palma della sfortuna per Tobias Lenz ed Edgars Mengelis: il tedesco è incappato in due giorni in altrettanti incidenti devastanti all’ingresso delle whoops, senza per fortuna riportare grossi danni fisici; Mengelis, apparso sempre in grado di restare con i primi, secondo in gara 1, è rimasto poi coinvolto, incolpevolmente, in gara 2 nel crash di Lenz. A Castiglione non è sceso in pista e pare proprio essere un ritiro definitivo, il portoghese di casa Caronna, Beto Santos; e per un portoghese che va un ispanico, “Lupi” Vega, che arriva. Il pilota del team Quaddy/OffRoadMotors ha raccolto poco se guardiamo i punti, ma ha dato tanto soprattutto sotto forma di spettacolo. Ora attendiamo con impazienza il rientro del compagno Vale, che ad Asti aveva fatto sognare tutto il parterre del QuadCross. Chi passo dopo passo comincia a riprendere il ritmo sono i fratelli Ventura, che a Castiglione del Lago hanno colto l’ottavo e il nono posto con Ettore davanti ad Amerigo, anche se quest’ultimo conserva ancora cinque punti di vantaggio sul fratello nella generale.

Pubblicato in Burnout
Pagina 1 di 2
 

Novità dallo store | abbigliamento marchiato Moto4

Ultimi annunci | il bazar di Moto4

Per vedere tutti gli annunci clicca qui

Kawasaki Kfx 450
Can-Am Outlander XT
Artic Cat Wildcat
Polaris Outlaw

Numeri Precedenti | tutti gli articoli per numero

n°149
Moto4 n°149
n°148
Moto4 n°148
n°147
Moto4 n°147
n°146
Moto4 n°146
n°145
Moto4 n°145
n°144
Moto4 n°144
n°143
Moto4 n°143
n°142
Moto4 n°142
guarda tutti gli arretrati

&

Utilizzando questo sito, accetti che noi e i nostri partner si possa impostare dei cookie per personalizzare i contenuti come da nostra Cookie Policy To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information